Recensioni

Ma dalla possibilità della guerra di Richard C. Lyons
Lylea risorse creative
Inviato da Sandra Shwayder Sanchez Stati Uniti Review of Books

“per paura di te Signore, il sole splende, i venti soffiano da
te Signore, la vita viene e destini sono concesse. “

Ma dalla possibilità della guerra esamina impulso del genere umano a fare la guerra nel contesto di quattro giochi che sono composte interamente di versi. I lettori che hanno apprezzato la Iliade e l’Odissea troveranno questo un’esperienza interessante. Ognuno dei quattro drammi in versi si svolge su un campo di battaglia diversa in un diverso periodo storico. Il primo dei quattro drammi, Mathura, inizia con l’unione di due grandi eserciti di India, nell’anno 515 C.E, per la lotta contro gli Unni Ephthalite. Il secondo gioco, Niagara, coinvolge i francesi, gli inglesi, e Seneca per l’anno 1759 a Fort Niagara tra il lago Ontario e il lago Erie. Il Seneca rimane fedele alla francese, ma che la fedeltà non è ricambiato. Amiens, il terzo gioco, si trova in Francia nel 1918 e dispone di soldati provenienti da Australia, Nuova Zelanda, Irlanda, India, Sud Africa e combattere i tedeschi nell’ultima grande offensiva della prima guerra mondiale Moriah, l’ultimo e il più breve si trova in Jerusaleum in tempi moderni. Gli Stati Uniti arriva in aiuto di Israele, quando un’esplosione nucleare accidentale si spegne. I giochi possono essere letti in tempi diversi in qualsiasi ordine.

In quasi 500 pagine di versi che coprono quattro diversi periodi storici, questo libro non è uno il lettore medio potrebbe aspettarsi di leggere semplicemente coprire a coprire in pochi giorni. Le storie si sviluppano lentamente, e la persona che legge solo per l’intrattenimento saranno delusi, ma il lettore che succede ad apprezzare questo particolare stile classico troveranno gratificante e forse scoprire le intuizioni delle promesse coperchio posteriore. L’approccio più sensibile a questo opus è di essere paziente, esplorando ogni nel contesto di una serie di discussioni club del libro o anche un intero corso offerti agli studenti di poetica, letteratura classica, la storia o la filosofia. Un lavoro epico di questa portata merita questo tipo di tempo, attenzione, e borse di studio.

RECOMMENDED by the USR

Clarion Revisione (5 stelle)
Recensione: Ma dalla possibilità della guerra di Richard C. Lyons
di Joe Taylor 3 Luglio 2013

Heroic dialogo distico-forma porta un tocco epico di questa indagine della guerra e il destino della natura umana.

Nessuno è più consapevole dei paradossi insiti nella guerra che i suoi mandanti. In questa indagine epico, Richard Lyons porta a campi di battaglia e le aree di sosta per drammatizzare le tragiche ironie e verità contrastanti nella guerra umana.

Ma dalla possibilità di guerra è una tetralogia agitazione di parti separate, ma tematicamente legate. I primi tre di queste opere sono basate su eventi storici cruciali: l’invasione del Gupta (India) Impero dagli Unni (515 CE), la resa franco-indiana di Fort Niagara agli inglesi (1759), e una avanzata tedesca su le truppe britanniche vicino alla città di Amiens, in Francia (1918). Parte quattro è puramente fittizio, che si svolge a Gerusalemme in un momento molto simile al presente.

Il dialogo è in distico eroico, un formato che, Lione spiega nella sua prefazione, tenta “la riconciliazione delle due linee fisicamente opposti”. Anche se la poesia può sembrare scoraggiante per alcuni lettori, si presta gravitas al dialogo e sa di opere epiche classiche .

Ogni parte, un gioco di per sé, presenta alcuni nuovi anticipo nella tecnologia di guerra, ma l’elemento umano è stranamente coerente. Verso la fine della scena cataclisma finale nella quarta parte, la guerra nucleare dopo aver decimato la metà del pianeta, un frate francescano grida: “Twas per noi la bestia in natura per sottomettere, / Ma è la bestia in noi che sottomette il mondo!” La lamento è quasi un’eco della osservazione fatta da un sacerdote indù ai suoi rapitori Hun in parte uno: “Chi avrebbe conquistato tutte le cose devono conquistare una cosa / Quei desideri della sua anima, che sono limitante”

Lyons esamina anche le circostanze della guerra, quella che si combatte e ciò che è difeso. Gli Unni sono “meraviglie d’ora”, che sono perturbano secoli di pace per invadere l’impero Gupta. Essi gettano “lance e pietre, fuoco e frecce” per distruggere una società diversa, cultura sofisticata. In Europa molti secoli dopo, un assassinio ha fissato dieci milioni di uomini, molti dei quali legati da alleanze progettati per mantenere la pace, alle trincee della prima guerra mondiale eroico sacrificio della vita e degli arti si contrappone ai tradimenti della fiducia da nazioni così come gli individui. E la rabbia per vendicare un torto spesso si traduce nella comparsa di più torti.

A volte, i guerrieri di Lione sostengono la follia di ignorare il “male di raccolta”, che è il nemico. Altre volte, personaggi vedono che “siamo tutti prigionieri qui, la nostra ambizione malato!” I suoi uomini sono onorevoli e di principio tutte le volte che puzzano del desiderio eccessivo e orgoglio. Durante le guerre francesi e indiani, il britannico ha acquistato di recente obici da un francese inventato. Molti ufficiali britannici deplorano la decadenza morale del traditore, anche se essi potranno beneficiare di essa; una generale considera non utilizzando un cannone acquistato dal nemico. La sua tesi: “Questa vittoria non dovrebbe essere solo su nemici / Ma una vittoria su noi stessi minori.”

L’opera di Richard Lyons è un profondo esame del fenomeno della guerra. E ‘anche una proposta che gli uomini non devono disperare nella lotta per i loro “sé minore.”

Vai al sito ForeWord Recensione a leggere la recensione originale.

Revisione: Ma dalla possibilità della guerra di Richard C. Lyons
Inviato da Michelle Robertson per preferita dei lettori
15 Gennaio 2014

Ma dalla possibilità della guerra di Richard C. Lyons è un romanzo poetico scritto in forma teatrale, che introduce i lettori ai concetti di scrittura poetica, la guerra, e la natura umana. Ma dalla possibilità di guerra si compone di quattro capitoli scritti come pezzi di un gioco, ogni
presentando un’altra epoca della guerra. Questo introduce i lettori agli impulsi della natura umana porta quando in conflitto con le esperienze di guerra o solo il solo pensiero di esso. Ogni pezzo capitolo o gioco fornisce i riferimenti, come una mappa, dettagli sul luogo, e che sta per essere presenti e, naturalmente, una panoramica della scena per i lettori di creare vividamente proprio paesaggio.

Il primo pezzo inizia nell’anno del 515 C.E. quando due eserciti combattono in India. Il secondo pezzo inizia nel 1759 a Fort Niagara che coinvolge gli eserciti francese e inglese. Il terzo pezzo inizia nel 1918 in Francia, durante la Prima Guerra Mondiale 1, ma dispone di soldati di molti paesi come la Germania, l’Irlanda, Sud Africa e Australia. Il quarto pezzo inizia oggi Gerusalemme, quando gli Stati Uniti e Israele insieme di fronte a una esplosione nucleare.

Ma dalla possibilità della guerra è un libro che farà sì che i lettori a riflettere su emozioni e le aspettative del modo in cui in ultima analisi, di vedere il mondo. L’autore offre uno sguardo in profondità nella natura umana e la sua connessione con la fame e per la guerra nel corso del tempo. Il libro è lungo più di 480 pagine, rendendo così una lettura che non può essere affrettato o scremato grazie alle sue dimensioni e lo stile anche il suo scritto in modo univoco. Un lettore che non è interessato al teatro o non hanno familiarità con la poesia forse non troverà questo libro per loro. I lettori che hanno studiato o che sono interessati alla storia militare, la psicologia, e la poesia teatrale potranno godere, ma dalla possibilità di guerra immensamente. Bravo, Richard C. Lyons.

Vai a Recensioni sito web preferito dei lettori per leggere la recensione originale.